Ottaviano Ubaldini della Carda

Francesco_di_giorgio_martini,_federico_da_montefeltro_e_ottaviano_ubaldini


Il Conte Alchimista Ottaviano Ubaldini della Carda.

Per far luce sui Misteri della Rocca Ubaldinesca occorre sapere chi era il Conte Alchimista Ottaviano Ubaldini Principe della Carda e quale fu il suo vero ruolo nel Ducato della Urbino Rinascimentale.
Diplomatico, Politico e Alchimista; Ottaviano nasce a Gubbio nel 1422 o 1423 da Bernardino della Carda valoroso condottiero e da Aura da Montefeltro figlia di Guidantonio da Montefeltro Signore di Urbino. Di Bernardino della Carda e Aura da Montefeltro era figlio anche Federico poi “adottato” dal nonno Guidantonio da Montefeltro che, non avendo figli maschi, rischiava di perdere il Ducato per interruzione della linea di successione maschile. Nel 1427 però nasce da Guidantonio e dalla moglie Caterina Colonna, Oddantonio, l’unico figlio maschio legittimo di Guidantonio, che diventerà Duca di Urbino ma morirà assassinato nella congiura del 1444.

Federico e Ottaviano saranno molto legati nel corso della loro vita come raffigurato nella lastra in pietra presente a Palazzo ducale di Urbino dove i due vengono rappresentati vis-à-vis cioè faccia a faccia, a immortalare una diarchia equilibrata e alchemicamente completa.


 

diarchia


 

Alla morte di Bernardino della Carda, padre di Ottaviano e Federico, lascia ai due figli una eredità di 2000 “lance” (*)  a testa, grande patrimonio militare. Ottaviano affiderà la sua parte al fratello condottiero. Ciò avvalora la tesi del legame che unirà per la vita i due in una vera diarchia nel Ducato di Urbino quando Federico diventerà Duca nel 1474: Ottaviano si occuperà del governo interno mentre Federico gestirà l’aspetto militare.

(*) Col termine “lancia” si indicava in età basso-medievale l’unità tattica di base composta da tre uomini.